Vai al contenuto

5 dicembre 2023

 

 

Il Good Friday e il voto con il portafoglio

Buongiorno, oggi ripassiamo le basi.

Questo calendario ci ricorda che non c’è giustizia equamente distribuita ed un’economia che metta al centro le persone e gli esseri viventi nel mondo in cui stiamo vivendo.

Per questo tanti nostri amici non hanno un lavoro, una casa, il cibo per vivere benino, accesso alle cure mediche se stanno male, diritto ad andare a scuola e molte altre cose forse meno essenziali ma che potrebbero contribuire ad una vita degna di essere vissuta.

A qualunque latitudine si trovino, perché oggi il mondo si divide in ricchi e poveri e non più in nord e sud. E i ricchi ed i poveri hanno casa ovunque. Anche se in alcuni continenti, uno a caso, l’Africa, si trovano molti più poveri che ricchi ed in altri, uno a caso l’Australia, ci sono molti più ricchi che poveri. Che poi la storia dei veri australiani è altra ma non ne parleremo oggi.

 

Questo mondo a noi fa male, come espresso nella canzone di Gaber

 

Cosa ti proponiamo oggi?

Di votare con il tuo portafogli, di riprendere consapevolezza che sono i tuoi consumi (anche) che dettano le leggi del mercato. Leggi che possiamo cambiare, insieme, se non ci piacciono.

E non credere di essere da solo in questo tentativo di cambiamento.

E’ vero, abbiamo già provato e non ci siamo riusciti, in quest’ultimo secolo.

Oggi però ti diamo la buona notizia che possiamo riprendere e continuare l’impegno ad acquisti consapevoli; consapevoli perché chiediamo – il giusto prezzo per i nostri acquisti e – la produzione dei beni rispettosa dei diritti di ciascuno (che dovrebbe pur essere un diritto di tutti…).

Oggi sembra ci sia la possibilità insieme di non sentirsi Davide contro Golia ma la rete che può immobilizzarlo senza fargli male. Che siamo ancora nonviolente nei nostri processi di relazione.

 

Abbiamo trovato questo sito web

Voto Col Portafoglio

che possiamo consultare per scegliere buone pratiche locali e concrete di sostenibilità.

Abbiamo conosciuto gli amici di Next al Festival dell’Economia Civile a Firenze lo scorso mese di settembre* e ci son piaciuti molto.

Abbiamo aderito alla loro idea di Good Friday, per riflettere durante il periodo del Black Friday, sulla necessità di acquisti “giusti” e non sull’onda della moda del momento.

Ti invitiamo a ricordare questi 5 suggerimenti prima di ogni acquisto…

NO AL BLACK FRIDAY - SI AL GOOD FRIDAY

Consigli per un acquisto consapevole. La grafica è nostra, puoi scaricarla qui se ti serve da stampare. Aderiamo, anche se poca cosa, ad ogni iniziativa di libera circolazione dei saperi.

 

Noi lo abbiamo vissuto, concretamente, nella copisteria di Michela, in cui non abbiamo attivato nessun meccanismo di Black Friday e diversi dei nostri clienti hanno apprezzato l’iniziativa e preso con se il memorandum dell’acquisto consapevole.

Foto di Donata. Un presepe creato a casa tanti anni fa.
La tradizione dell’origami e l’ambientazione della città opulenta tutta centri commerciali.

 


 

* Il link del sito del Festival dell’Economia Civile: »https://www.festivalnazionaleeconomiacivile.it/«