14 dicembre

Le Banche sono per l’uomo?

I risparmi degli italiani ammontano a oltre 1.500 miliardi di euro, in continua crescita, solo nei conti correnti bancari.

 

 

Le banche investono questo denaro per il rilancio dell’economia e dell’occupazione? No. Negli ultimi anni i prestiti erogati dalle banche ristagnano, se non addirittura diminuiscono.

 

 

 

I 190 miliardi di garanzie pubbliche messe in campo dal governo come risposta alla pandemia sono stati usati, per la fetta maggiore, per tamponare vecchi prestiti e non per erogare liquidità aggiuntiva.

 

Risparmio in continua crescita, pochi prestiti erogati. 

 

 

Da un lato, non ci sono mai stati tanti soldi in giro. Nello stesso momento, chi ha bisogno di soldi non riesce a ottenerne. Sempre più persone, escluse dai crediti bancari e dai circuiti finanziari, debbano rivolgersi ai Banchi dei pegni, ai compro oro o finiscano nelle mani della malavita.

 

Il paradosso del risparmio che cresce, mentre i crediti arrancano.

Come spiegarlo? I motivi sono diversi. Keynes, economista famoso dello scorso secolo, ha coniato il termine “trappola della liquidità”, per illustrare come in un periodo di crisi o di pessimismo, immettere più soldi possa non tradursi in effetti positivi su occupazione e consumi.

A questo si sommano regole e normative che rendono sempre più complesso e meno remunerativo per le banche erogare credito, in particolare ai soggetti più deboli e con meno garanzie patrimoniali.

 

E questo non è sinonimo di giustizia.

 

 

 

Quindi cosa possiamo fare?

 

 

Qui i link a due strumenti utili per cambiare qualcosa.

 

Banca etica

Una banca a tutti gli effetti, ma con un’esperienza bancaria diversa, ispirata alla Finanza Etica. I principi fondativi sono: trasparenza, partecipazione, equità, efficienza, sobrietà, attenzione alle conseguenze non economiche delle azioni economiche, credito come diritto umano. Con il risparmio raccolto finanziano organizzazioni che operano in quattro settori specifici: cooperazione sociale, cooperazione internazionale, cultura e tutela ambientale.

 

MAG6

La Mag (Mutua Auto Gestita) di Reggio Emilia è stata precursore, insieme alle altre Mag sparse sul territorio italiano, di Banca Etica.

Opera soprattutto nel territorio emiliano e ha come slogan “il denaro e la finanza come se la gente contasse qualcosa” … propone e attiva diverse iniziative interessanti come “la bottega per nulla”, corsi di formazione per i soci, e eroga prestiti in base alle relazioni con i soci, non alle solite garanzie di mercato.

 


 

“Chi pratica il dono non si impoverisce mai,

le regole della giustizia da sole non bastano a garantire la pace.

Quando la giustizia si sposa con il dono il risultato è ottenuto e si ha sia il benessere che la pace.

 

Dobbiamo quindi puntare alla giustizia benevolente, cioè alla giustizia che vuole il bene.

 

(Stefano Zamagni, economista e accademico italiano, ex presidente dell’Agenzia per il terzo settore, apprezzato in tutto il mondo per i suoi studi in materia di economia sociale)