13 dicembre

Santa Lucia – la luce e l’elettricità

S. Lucia è la santa della luce e si festeggia il giorno più corto dell’anno, il 13 dicembre.

In Europa questo ha poca importanza, abbiamo tutti la luce elettrica in casa, ma non è scontato che sia così per tutti.

 

Nel 2015 le Nazioni Unite hanno approvato l’Agenda 2030, un piano d’azione globale per lo sviluppo sostenibile. Gli obiettivi sono 17.

 

Il settimo obiettivo di sviluppo sostenibile è l’energia pulita e accessibile a tutti.

 

Nel mondo la quota di energia da fonti rinnovabili è arrivata al 17,5% dei consumi finali. (In Italia, la media nazionale è al 17%).
Il Goal 7 ha registrato segnali incoraggianti, con una diffusione significativa dell’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili, anche nei Paesi più poveri.

 

L’accesso all’energia è un presupposto imprescindibile per la realizzazione di molti obiettivi di sviluppo sostenibile che esulano dal settore energetico, come l’eliminazione della povertà, l’incremento della produzione di derrate alimentari, l’accesso ad acqua pulita, il miglioramento della salute pubblica, l’ampliamento della formazione, l’incentivazione dell’economia e la promozione delle donne.

 

 

 

Cosa possiamo fare noi? Molto per noi, qualcosa per l’Africa.

 

Per noi (evitando gli sprechi energetici proteggiamo l’ambiente):

staccare le spine e non lasciare i dispositivi elettronici in stand-by,

utilizzare correttamente lavatrice e lavastoviglie,

scegliere modelli a basso consumo di frigorifero e congelatore,

spegnere la luce quando non la stiamo utilizzando,

controllare regolarmente che gli impianti non abbiano dispersioni…

 

 

Per l’Africa:

informarci e sostenere piccoli progetti di sviluppo di impianti solari, idroelettrici, eolici.

E ovunque chiedere di calmierare i costi delle bollette per le fasce più povere delle popolazioni.